Skip to content

POMERIGGIOCINQUE COME MEZZO DI PROPAGANDA?

2 febbraio 2010

https://scavicchialanotizia.files.wordpress.com/2009/12/barbara-d-urso-la-tribu.jpgIn questi istanti sta andando in onda su Canale5 una nuova puntata di PomeriggioCinque, il contenitore di Canale5 prodotto da Videonews e condotto da Barbara d’Urso. L’occhio malandrino del sottoscritto, più che sul caso della puntata incentrato sulla figura di Massimo PitBull Scattarella, si è soffermato, con fare piuttosto strano, sull’intervista che seguiva quel momento di alta televisione. La d’Urso ha intervistato Renato Brunetta. E fin qui, nulla di strano. Un politico, come i tanti che affollano le trasmissioni tv, che decide di rispondere a cuore aperto alle domande, alle curiosità e agli interrogativi della conduttrice e del pubblico a casa. Se non fosse, però, che nel giro di venti giorni è la seconda volta che Brunetta è ospite dalla d’Urso. Una prima volta fu qualche domenica fa, in un’intervista che la presentatrice ha dichiarato essere fra le più belle riuscite nel corso della sua trasmissione domenicale. Bella perché si è aperto al pubblico la persona con il suo modus vivendi, il suo passato, le sue passioni, e non il personaggio. Una grande panoramica della vita di un politico. Poi, quella di oggi, in cui è accaduto più o meno la stessa cosa. Niente di strano?

Accade che pochissimo dopo aver fatto una breve sintesi del suo passato di figlio di venditore ambulante, Brunetta fa una grandissima propaganda per sponsorizzarsi come sindaco di Venezia. “A Venezia non ci sono fannulloni, Venezia non è solo acqua, ma c’è anche Venezia di terra, l’entroterra, Mestre”, e così via. Insomma, il pretesto è buono per far vedere quanto il ministro (da quando un ministro può essere anche sindaco?!) ami la città, quanto ne apprezzi i posti, la cucina, l’atmosfera. Il telespettatore meno attento e meno interessato alla politica– non si vorrebbe, ma si deve dire: anche quello che più ‘ignora’ la materia – è indotto a pensare, grazie a quest’opera di santificazione bella e buona, aiutata dalle facce multiformi della d’Urso, che Venezia ha bisogno di Brunetta (tanto quanto lui ha bisogno della città per avere qualche euro in più in saccoccia). Cresce pertanto nel sottoscritto un’idea: che PomeriggioCinque sia un mezzo di propaganda?

Non si nasconde la fede politica della conduttrice – tale più per favoritismi che per reale sentire –, né quella del direttore di Videonews. Parliamo della trasmissione ‘gemella’ quella rea di aver pedinato il giudice Mesiano; parliamo di una trasmissione che ha dedicato i migliori spazi e tempi per celebrare la figura del presidente del Consiglio quando si sono consegnate le case ai terremotati abruzzesi (in realtà costruite grazie ad altri tipi di aiuto, non certamente quello del Governo); parliamo di una trasmissione politicamente schierata ai fatti. Il danno è sotto l’occhio. Basta un po’ di materia grigia ben spesa per rendersi conto di tutto ciò. Altro che leggero talk show del pomeriggio…

Ovviamente spazio libero al contraddittorio nei commenti!

5 commenti leave one →
  1. mirko2112 permalink
    3 febbraio 2010 09:19

    Io farei sindaco o ministro l’autore di quest’articolo!!!! Finalmente qualcuno che se ne accorge e lo dice!!! Vogliamo parlare anche della Santanchè ???? Tutti i pomeriggi e dico tutti????????? Ma non fa polica?Bene, si mettesse a fare (come ha fatto la Pivetti) la giornalista se tutti i giorni vuole starsene dalla DUrso (che non è per niente di parte ?!?!?!?!?!?!?). Spero che quest’articola nuova certi animi🙂

  2. rashid permalink
    3 febbraio 2010 10:04

    Cari miei finalmente ve ne accorgete!!!!!!!!!!!Lavaggio del cervello degli italiani con le sue televisioni e ora anche la Rai!! Viva l’Italia

  3. Andpi permalink
    3 febbraio 2010 11:48

    diffondiamo questi generi di articoli su facebook ad esempio, cosi che tanta gente legga e capisce finalmente la verità

  4. Betta permalink
    5 febbraio 2010 08:20

    ragazzi siete ottimisti e anche un po’ ingenui… sulla rete queste cose si dicono da anni (vedi Grillo e non solo) il problema è che la TV molto spesso si subisce passivamente mentre i blog come questo uno li deve andare a cercare, è richiesto un minimo di volontà (e di cervello)…

  5. 5 febbraio 2010 10:07

    RAGAZZI fate come me , non guardate ne questo programma che fa PIETA, con la d’urso poi, fa schifo. NON guardate nemmeno la rai, cosi (loro) i conduttori capiscono che ci siamo stufati di essere presi in giro da lorooooo!.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: