Skip to content

QUALCUNO FERMI PIETRO VALSECCHI! “LANCIO UNA SFIDA AL PUBBLICO: PER INTELLIGENCE MI MANDINO SMS PER FARMI SAPERE SE VERAMENTE PIACE”

21 ottobre 2009

Qualcuno fermi Pietro Valsecchi e gli faccia capire se i suoi prodotti non incontrano più il favore plateale del pubblico una motivazione comunque dovrebbe esserci , per quanto “non capibile”. Pietro Valsecchi è la faccia, il volto e la mente della Taodue, che produce le più famose fiction “ansiogene” Mediaset, tra cui quelle che hanno avuto una fortuna senza precedenti, come Distretto di polizia, o altre che sono state clamorosamente bocciate, come ad esempio Crimini Bianchi. Da qualche tempo a questa parte, però, i suoi prodotti, che siano quelli con più anni di valoroso servizio alle spalle o quelle più innovative con tanto di investimenti folli (per fare un esempio, la nuovissima Intelligence è costata qualcosa come 20 milioni di euro), non riescono più a bucare lo schermo. Colpa evidentemente di un pubblico che ha cambiato i suoi gusti, che non apprezza l’ansia e un contesto cupo a tutti i costi, forzatamente marcato, e che a tutto ciò preferisce una buona fiction leggera, come ad esempio I Cesaroni o Un medico in famiglia. La colpa per Valsecchi, in realtà, va solamente della programmazione non adeguata che ricevono le sue fiction. Ecco quanto ha dichiarato, riprendendo il filo del discorso da Tvblog:

I prodotti vanno difesi, come si proteggono le piante quando arriva l’inverno. Non basta seminare, occorre innaffiare, concimare. Questo io credo non sia stato fatto con Intelligence, che si è trovata a combattere per ben due volte contro la seconda parte di una miniserie di Rai Uno, che la domenica precedente aveva avuto un grande successo di ascolto, senza controprogrammazione. E’ come se la domenica sera si aggirasse uno spettro per le reti, che tutti hanno paura di affrontare. Ma io no. Voglio scendere in campo e proporre i miei gioielli proprio al pubblico della domenica sera, per dargli una possibilità di scelta contro la fiction tradizionale che propone Rai Uno. Voglio programmare la domenica sera il mio Distretto di Polizia, e a partire dall’anno nuovo, anche I Liceali.

La collocazione alla domenica sera della settima puntata della fiction con protagonisti tra gli altri Simone Corrente e Giulia Bevilacqua, quindi, fonda radici nella volontà di salvaguardare a tutti i costi i “suoi” prodotti. Sembra quasi, nota puramente personale, il non accettare una realtà che per quanto ingiusta, è tale. Ma non finisce qui, ed ecco perché il nostro appello ad inizio post circa il “Qualcuno fermi Valsecchi”. Intelligence, come saprete, è calato tantissimo nell’affezione del pubblico, passando da 7 milioni a poco meno di cinque. Ma il caro Valsecchi poco crede all’Auditel e vuole constatare, attraverso sms del pubblico a casa, il gradimento del pubblico e la loro volontà di seguire una seconda stagione del prodotto con Raoul Bova:

“Per quanto riguarda la puntata conclusiva di Intelligence, venerdì prossimo, voglio lanciare anche una sfida all’auditel. Voglio che siano gli spettatori a dare direttamente il loro indice di gradimento, mandando un sms a un numero in sovrimpressione. Voglio che mi dicano, da uno a cento, quanto gli è piaciuto Intelligence e se vogliono vedere o meno una seconda stagione. In base alle loro risposte, decideremo se le avventure di Marco Tancredi e la sua squadra avranno un futuro”.

8 commenti leave one →
  1. Andreap82 permalink
    21 ottobre 2009 21:11

    se mi sono guardato 6 puntate di Intelligence, il voto te lo da alto…se non sarei masochista, eh!

  2. Filippo permalink
    21 ottobre 2009 21:29

    Per me ha pienamente ragione , canale5 la domenica mette flop e cosi’ raiuno si becca i 6 milioni e poi la gente segue la 2a puntata , lasciando perdere intelligence. Perdendo mezza scena gia’ non si capisce niente , figuriamoci una puntata … poi sto fatto di mettere il finale contro conti , ma farlo domenica no? e non spostatelo ogni santa settimana.
    Io votero’ 100 perchè voglio la seconda stagione.

  3. 21 ottobre 2009 21:44

    i telefilm ansiogeni so roba da americani. Noi non li possiamo fare!😀 accettalo!

  4. salvatore permalink
    23 ottobre 2009 23:22

    io voglio il continuo!!!!!!TANCREDI !!!!!altro che rai,nn ho mai visto alla rai un programma interessante escluso i mondiali..ihihihih

  5. giuseppe permalink
    24 ottobre 2009 09:47

    E’ una seria che mi è piaciuta molto mi ha apassionato, peccato non sono riuscito a vedere l’ultima puntata.
    COMPLIMENTI un grand bel lavoro. Nelle prossime consiglierei di sparare meno e fare soprattutto meno morti altrimenti diventa un’americanata.
    Comunque in conclusione voto 9.5

  6. lilibeth permalink
    13 dicembre 2009 11:43

    attori bravi e motivati, storie accettabili, il problema? Sono girate da registi superficiali, senza esperienza drammaturgica, pensano solo al ritmo e al montaggio da cardiopalma, dettaglio macchina, dettaglio ruota, dettaglio specchietto, dettaglio sparo… tutto rigorosamente mosso, stadycam e macchina a mano, punti di vista “soggettivi” della m.d.p. senza nessuna logica… Basta con questi film-maker, un corso negli stati uniti come aiuto regista un qualche seriale, non li rende bravi. All’inizio di Distretto, per esempio, De Maria ci aveva dato un po’ di ritmo “all’americana” e l’avevamo apprezzato, adesso è ridicolo… la Valsecchi-fiction produce mal di testa, (come dice la mi’ mamma: “mi ballano gli occhi”) e la gente cambia….

  7. lilibeth permalink
    13 dicembre 2009 11:47

    Altro problema: basta ragazzini basta adolescenti in tivù e al cinema… amori tra i banchi di scuola, brufoli, qualunquismo, crisi familiari e dialetti e chili di troppo, o troppo pochi… Moccia ha fatto scendere la soglia del sesso a 14 anni e ha sbagliato, genitori protestano e le ragazze pure, per fortuna… il film è andato male e la serie tv Liceali pure, nonostante ciò ho sentito parlare di “amore 15” per Mediaset… fermiamoli!

  8. giadix 96 permalink
    26 dicembre 2009 00:33

    a me piace intelligence!!! e poi cm raoul bova nn c’è nexxuno!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: