Skip to content

L’INFORMAZIONE E L’APPROFONDIMENTO IN TV CHE VINCONO: ANNOZERO (CHE TORNA SU BERLUSCONI) ED EXIT (CHE SFIORA IL 7% SU LA7)

8 ottobre 2009

https://i0.wp.com/www.tvrteleitalia.eu/public/Giornali.jpg
Solitamente parliamo della televisione in senso negativo, sottolineandone i toni alterati, le trasmissioni che virano troppo spesso al trash, i personaggi che si concedono troppo spesso ad un riciclo che ti fa venire incredibilmente a noia solo l’idea di fare un po’ di zapping. I grandi numeri, poi, oscurano senz’ombra di dubbio quelli piccoli, e interrogandosi sul come i numeroni e le percentuali abnormi, vengano effettivamente raggiunti inevitabilmente si finisce a fare sempre il solito discorso, come un cane che si morde la coda. Ma la tv è anche (per fortuna) altro, e vuoi per risultati, vuoi per dati di fatto, non ci si può esimere dal sottolinearlo. La tendenza, oramai certificata, è questa stagione sia quella del boom dell’informazione. Che si tratti di Manifestazione per la libertà di stampa, di notizie sullo stato del governo, di approfondimenti su disastri naturali, la gente accorre in massa. Sembra quasi non abbia voglia di distrarsi più di tanto, ma senta la necessità di capire come le cose stanno andando, svegliandosi da un torpore che la stessa televisione ha contribuito a far diventare nostro. In questa mia riflessione, trovo appiglio in due programmi che, partendo dal fatto che non rientrano nella cerchia dei miei preferiti, stanno letteralmente facendo parlare di sé.

Il primo è senza ombra di dubbio Annozero, che settimana scorsa con l’ospitata di Patrizia D’Addario ha superato quota 7 milioni di telespettatori con uno share da capogiro: 28%. Adesso, ogni qual tipo di commento sulla natura di questi milioni di ascoltatori è superfluo. Ciò che rimane agli occhi è il dato, stratosferico, che, è vero, può essere stato raggiunto sia per uno zoccolo duro che conferma quanto appena affermato sia per chi è assatanato di gossip e l’ha seguito con occhio da “Grande Fratello”. Un dato, però, che nella sua incontrovertibilità passerà agli annali. Santoro, da buon “avvoltoio”, sa il fatto suo e ha deciso di montare in quattro e quattr’otto una puntata sull’illegittimità e sulla non approvazione del Lodo Alfano. E, non c’è dubbio, sarà altro boom. Che il popolo italiano senta però necessità di essere informato, nella maniera che più gli aggrada, lo si capisce anche dai numeretti piccoli.

A fare da contraltare ai 7 milioni di Annozero c’è quel milione e mezzo di italiani che ieri sera, tra Bonolis sfavillante di ascolti e X Factor sempre più in depressione, ha preferito Ilaria D’Amico e il suo Exit. Un milione e mezzo è una cifra risibile. E’ allo stesso modo però oltre ogni più rosea aspettativa visto che va in onda su La7, che ha una media di 600.000/700.000 telespettatori in prima time, e che ieri ha sfiorato il 7% di share. Un boom in piena regola per una puntata che ha approfondito quanto accaduto qualche giorno fa a Messina, senza speculare come altri prodotti della generalista hanno fatto. Solo la cruda, nuda, netta voglia di proporre il fatto, di commentarlo, di sviscerarlo. Un plauso al gioiellino delle generaliste che può godersi il meritato successo del prodotto oramai con qualche anno di servizio alle spalle.

Il popolo italiano, per alcuni tanto ignorante, per altri tanto disinteressato, afferma perciò una tendenza inaspettata: vuole sapere, vuole essere sulla notizia. Non è un punto di partenza eccezionale per una società che ha il bisogno di nascere dalle sue stesse ceneri?

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: