Skip to content

COSÌ FAN TUTTE GIUDICATO INAPPROPRIATO E VOLGARE DAL MOIGE E DA MARZIALE. A TORTO O A RAGIONE? (SPOSTATO AL 18 SETTEMBRE IN SECONDA SERATA)

11 settembre 2009

https://i2.wp.com/static.blogo.it/tvblog/cosi-fan-tutte-alessia-marcuzzi-e/big_cosifantutte04.jpgUpdate: Come ci ricorda il nostro Bubino nei commenti, la sit-com è stata sospesa dalla fascia preserale e spostata al 18 settembre in seconda serata dopo Colorado. Di seguito, le dichiarazioni del direttore di rete:

LUCA TIRABOSCHI DIRETTORE DI ITALIA 1:
“ACCOLGO L’INVITO A RICOLLOCARE LA SIT-COM
“COSI’ FAN TUTTE” LONTANO DALLA FASCIA PROTETTA”

LUCA TIRABOSCHI, direttore di Italia 1: “Sono abituato ad ascoltare con attenzione le considerazioni che provengono dai telespettatori e dalle fonti istituzionali. Anche nel caso di “Così fan tutte” sarò attento a quanto suggeritomi. Accoglierò quindi l’invito a ricollocare la sit-com lontano dalla fascia protetta. Ribadisco la qualità del prodotto e la straordinaria interpretazione di Alessia Marcuzzi e Debora Villa.
Per questa ragione, “Così fan tutte” andrà in onda nella prestigiosa seconda serata del venerdì dopo Colorado a partire dal 18 settembre”.

Italia1 ha da poco lanciato un nuovo preserale, scintillante nelle ipotesi, poco fruttuoso ai fatti, almeno stando ai meri risultati d’ascolto di questa prima settimana di messa in onda. In particolare sono due i prodotti che, più di altri, stanno dando origine a qualche dubbio di troppo: Così fan tutte e Il colore dei soldi. Mentre per quest’ultimo si è espresso eccellentemente il nostro Expedit, non era ancora arrivato un nostro giudizio in merito alla sit-com di Alessia Marcuzzi e di Debora Villa che da lunedì copre la fascia che va dalle 19.50 alle 20.25 circa. Partiamo subito, brevemente, con i commenti. È una sit-com assolutamente diversa dal prototipo rasserenante o dissacratorio al quale eravamo stati abituati, sia per quanto riguarda quelle registrate in campo italico, sia per quelle straniere, importante con grande successo dalla stessa rete di Tiraboschi. Non v’è una struttura immobile o un’impostazione fissa, non c’è il personaggio, ma sono più sketch (tanto che si è parlato di sketch comedy) slegati fra loro che mettono in evidenza, con sagacia ed ironia, il favoloso mondo femminile, accentuandolo ed evidenziandolo per le sue contraddizioni, per i suoi limiti, per i suoi eccessi, e ponendo l’accento in particolare su questi. Così fan tutte, infatti, facilmente “si lascia andare” alla lascivia, al costume “facilotto”, a qualche accenno di volgarità. Ricorderete bene il promo con un’Alessia Marcuzzi nuda che ha fatto così scalpore? Aggiungete a ciò anche una simulazione di sesso orale con una salciccia calda, mani sui seni come se fosse cosa normale, riferimenti espliciti e quant’altro.

È divertente, senz’ombra di dubbio. Non a caso lo scrivente la trova una delle novità più simpatiche e gradevoli di questa stagione tv. È trash? Probabile, ma è da ammettere che in questo caso la “volgarità” e l’eccesso sono contestualizzati. Se si potesse cambiare qualcosa, oggettivamente, bisognerebbe bandire però questo tipo di prodotto dalla fascia protetta, affollata da bambini, e trasmetterlo in una più agevole seconda serata, libera dall’apparentemente eccessivo “bacchettonismo” e soprattutto maggiormente capibile dal pubblico a casa, più adulto. Il Moige, però, s’è schierato contro il prodotto, furentemente. Ecco quanto dichiarato Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori e consulente della Commissione parlamentare per l’Infanzia:

Se si accetta in piena fascia protetta ‘Così fan tutte’ vuol dire che in tempi brevi sarà possibile tollerare qualunque altra cosa, ivi compresa la pornografia esplicita. In un’era contrassegnata da una forte emergenza educativa, la trasgressione delle norme vigenti attraverso l’esaltazione esplicita dell’eros assume significati che vanno ben oltre gli aspetti etici. L’indiscriminata sessualizzazione dei costumi sui mass media comporta ricadute nel processo di socializzazione dei soggetti in età evolutiva, con effetti devianti che sono quotidianamente sotto gli occhi di tutti. E’ necessario che i vertici di Mediaset recepiscano e mettano in pratica quanto contemplato legislativamente a tutela dei minori dagli eccessi televisivi, spostando in seconda serata, cioè dopo le 22.30, la messa in onda della produzione. L’accettazione della proposta significherebbe riparare in maniera elegante – come l’azienda ha fatto qualche volta in passato – ad una mancanza di attenzione verso le famiglie ed i bambini da parte di chi ha responsabilità di palinsesto.

Sinceramente? Sono giovane, sono tutto fuorché “figlio di papà” che del mondo non conosce i problemi, responsabilità e funzionamento. Ma è da sottoscrivere quanto dichiarato da Marziale, fermo restando che parliamo di un buon prodotto. Simpatico, ma da spedire in seconda serata. Cosa succederà?

13 commenti leave one →
  1. Bubino permalink
    11 settembre 2009 17:59

    Barto la situazione si sta complicando molto ed ora è arrivata al Parlamento!

    Alessandra Mussolini, presidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, promette: «Mi attiverò immediatamente con i vertici dell’azienda al fine di verificare la possibilità di uno slittamento in seconda serata del programma, cioè fuori fascia protetta». La vicenda diventa dunque un caso politico. «Il Codice di autoregolamentazione tv e minori – ricorda la deputata Pdl – va rispettato: su questo presupposto, sono certa che Mediaset, azienda eticamente sensibile, troverà una soluzione».

    Aggiunge Gabriella Carlucci, anche lei deputata del centrodestra: «Accogliendo le proteste vibranti di migliaia di genitori che in queste ore mi hanno scritto email indignate, intendo presentare un’interpellanza urgente in Parlamento per chiedere al ministro competente ed al viceministro Romani i motivi della messa in onda in prima serata di una trasmissione come “Così fan tutte”, in una fascia di programmazione televisiva definita protetta. Le leggi in materia sono molto rigide e vincolanti».

  2. 11 settembre 2009 18:00

    Eppur si muove

  3. Bubino permalink
    11 settembre 2009 18:00

    Problema risolto…

    LUCA TIRABOSCHI DIRETTORE DI ITALIA 1:
    “ACCOLGO L’INVITO A RICOLLOCARE LA SIT-COM
    “COSI’ FAN TUTTE” LONTANO DALLA FASCIA PROTETTA”

    LUCA TIRABOSCHI, direttore di Italia 1: “Sono abituato ad ascoltare con attenzione le considerazioni che provengono dai telespettatori e dalle fonti istituzionali. Anche nel caso di “Così fan tutte” sarò attento a quanto suggeritomi. Accoglierò quindi l’invito a ricollocare la sit-com lontano dalla fascia protetta. Ribadisco la qualità del prodotto e la straordinaria interpretazione di Alessia Marcuzzi e Debora Villa.
    Per questa ragione, “Così fan tutte” andrà in onda nella prestigiosa seconda serata del venerdì dopo Colorado a partire dal 18 settembre”.

  4. apologiato permalink
    11 settembre 2009 18:51

    l’hanno spostata solo per bassi ascolti per me. e hanno trovato la scusa del moige.

  5. 11 settembre 2009 18:54

    @Bubino
    Grazie mille, Bubi. Subito aggiornato il post!

    @Apologiato
    Che piacere leggerti qua😀 Ti riconosco dalla foto…:D Può darsi sia come dici tu, ma è pur vero che tutte queste critiche sarebbero potute divenire una specie di boomerang…

  6. mari permalink
    11 settembre 2009 19:00

    io non so perche debba essere spostato ma onestamente non era certo un programma da prima serata in una fascia oraria dove è presente i bimbi, ma non è tutto lo trovo alquanto vergognoso fa passare le donne come ninfomani perenni , io non ci sto doveva essere annullato non spostato

  7. apologiato permalink
    11 settembre 2009 19:09

    ciao barto. non l’ho mai vista, ho letto la scena del wrustel. volgare è volgare

  8. 11 settembre 2009 21:32

    Speriamo che faccia boom clamoroso a mezzanotte alla faccia di questi bigotti perbenisti e moralisti del MOIGE!

  9. 11 settembre 2009 22:09

    concordo cn il moige cs fan tutte era troppo spinto per l’ora in cui va in onda ma mi domando ne vogliamo parlare del sedere della fico al colore dei soldi è un bel vedere ma nn capisco il contesto per me quel programma dovrebbe cambiare orario.in breve italia uno va di male in peggio giorno dp giorno

  10. irene permalink
    28 settembre 2009 12:40

    perchè il moige nn fa nulla quando alle 17,30 e sottolineo 17,30 abbiamo in studio dalla d’urso Tinto Brass che guarda il culo di una subrette,perchè nn fa nulla quando alle 21,30 vanno in onda fiction con sesso esplicito e tematiche scottanti(es in l’onore e il rispetto 2 c’è l’incesto). Prendersela con la punta dell’icerberg è ridicolo,quando almeno l’80 per cento della nostra tv è consigliabile ad un pubblico di maggiorenni. Che poi sia volgare il wustel nn c’è dubbio.

  11. 24 dicembre 2009 14:28

    sn d’ accodo cn te irne io lo guardavo e x me nn era così volgare da mandarlo in seconda seata speriamo ke ci sia il boom di ascolti almeno ALLA FACCIA LORO!!

  12. 17 agosto 2010 16:44

    vi consiglio cercatemi

  13. 25 settembre 2010 19:45

    la legge è uguale per tutti ? anche per i giudici corrotti ? vi conslio di cliccare google cosi , oppuure , http://www.ingiustiziaitaliana.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: