Skip to content

SANREMO 2010: ARRIVANO I BAMBINI! TRA GLI AUTORI FIGURA EDDY MARTENS

9 settembre 2009

https://i0.wp.com/www.sorrisi.com/wp-content/uploads/2009/04/clericiebambini1-575x370.jpgÈ diventata moda quella di portare un po’ di sé, un po’ del proprio mondo a Sanremo, cercando di declinarlo sempre più secondo le proprie attitudini, secondo le proprie capacità e secondo ciò che effettivamente ti ha portato sul palco dell’Ariston. Quando a condurre fu chiamata Simona Ventura, la presentatrice portò tutta la sua combriccola, con tanto di Gene Gnocchi apripista ufficiale delle cinque serate con alcuni sketch. Due anni più tardi, toccò a Panariello, e ogni sera ci fu un piccolo momento di one man show. Con Baudo si tornò alla classicità – anche perché Baudo è di casa a Sanremo, Sanremo è la casa di Baudo e non c’è null’altro di così importante per il catanese – nel 2007 e nel 2008, e nel 2009 ci fu Bonolis che si portò appresso Laurenti, riformando nella cittadina ligure la storica coppia, tingendo di “Senso della vita” i momenti morti della kermesse. Tocca ad Antonella Clerici ed essendo stata questa sprovvista di fornelli e di pentolame vario, che sarebbe stato parecchio fuori luogo a Sanremo, e non potendo per forza di cose fare amarcord sul palco dell’Ariston, ha ben pensato di portare, in veste ufficiale, un po’ di Ti lascio una Canzone alla manifestazione canora.

Ciò che significa? Che i bambini diverranno, stando a quanto circola in rete, protagonisti di un settore a parte della sessantesima edizione del Festival della Canzone Italiana, non si sa se in qualità di concorrenti, accompagnandosi ai Big e ai Giovani, o in qualità di “spezza-ritmo”, ossia a fare da intervallo tra un’ospitata e l’altra, e tra un’esecuzione e la successiva. Si rompe così una liturgia, si modernizza ancor più il più grande evento della tv dei nostri tempi, che lega passato al presente trasversalmente sotto la concordia di tutto il pubblico. Ma, effettivamente, cosa c’entrano i bimbi ad una manifestazione del genere? Si spera di non creare una “caciara” assurda e di legare questo elemento allo scheletro sanremese senza sbavature e senza stridere troppo. A questo proposito, sta pensando ad un format ad hoc l’autore Cesare Lanza.

Ma non è il solo innesto al quale sta pensando Antonella Clerici per il suo Sanremo. Pare, infatti, che nella squadra di autori per quest’edizione figuri anche Eddy Martens, compagno della conduttrice, confermando ancora una volta un trend per la quale la Clerici si è fatta in passato parecchi nemici tra il pubblico italico. Verrebbe da chiedere all’amatissima Antonellina, anche da parte del nostro blog come ben saprete, quale apporto possa dare alla più italiana delle manifestazioni un ex animatore di villaggi turistici. A meno che Sanremo non divenga veramente una festa e che come sigla venga scelta una Macarena ballata da tutto il pubblico, l’Orchestra e conduttrice…

4 commenti leave one →
  1. Anonimo permalink
    9 settembre 2009 21:09

    Antonella non ti confondere il titolo del programma si chiama festival di sanremo,no ti lascio una canzone,speriamo che non chiami come valletta donna Anna Moroni che tra una pausa cantante darà una ricetta veloce veloce,e come valletto uomo non metta Beppe Bigazzi,altrimenti potrebbe co condurre con Elisa Isoardi

  2. 11 settembre 2009 21:25

    Non penso che Antonella sia così ingenua da
    “bruciarsi” i bambini al Festival di Sanremo
    visto che dopo pochissimo tempo partirà la
    terza edizione di “Ti lascio una canzone”.

    E comunque non credo che Roberto Cenci
    sarebbe molto felice se ciò accadesse. Quindi…
    meglio lasciar perdere!

    Con affetto, da uno degli Autori di
    “Ti lascio una canzone”.
    Carlo Pistarino

  3. Expedit permalink*
    11 settembre 2009 21:39

    Ciao Carlo!..:)
    che piacere ritrovarti qui su Scavicchia..:)
    io la penso nello stesso modo, non credo che Antonella voglia trasformare il suo Sanremo in una sorta di “SanremoVentura” dove, grazie anche ai conflitti con Renis, il tutto si trasformò in uno spin-off di Quelli Che il Calcio.
    Grazie mille per venire a trovarci..:)
    E’ davvero un piacere avere addetti ai lavori su queste pagine..:)
    Alla prossima..:)

  4. 11 settembre 2009 21:49

    Il piacere é tutto mio,
    quando si riesce a trovare un dialogo con
    le persone alle quali é rivolto il risultato
    del nostro lavoro.

    Qui tutto mi sembra molto garbato ed
    anche molto attento nelle analisi, con
    le giuste critiche che tutti noi addetti
    ai lavori dovremmo seguire. Quando
    sono costruttive, intelligenti e non
    gratuite come accade in tanti blogs.

    Complimenti a tutto lo staff.
    Carlo Pistarino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: